Cosa vedere a bari

Capoluogo della nostra bellissima Puglia, dove la tradizione di un popolo di mare si esprime in tutto ciò che ha da mostrare, cosa vedere a Bari? Set di diversi film girati in Puglia, è una città che da sempre ha avuto uno stretto rapporto con l’oriente ed è stata casa per diversi popolo che nel tempo si sono susseguiti. Bari Vecchia è molto caratteristica, tra gli stretti vicoli che si susseguono si incontra la tradizione e l’autenticità che sembra non essere stata intaccata dal turismo di massa. E la Bari che si estende al di fuori della città vecchia, ottocentesca e con bellissimi palazzi eleganti. Bari ha molto da offrire ed è possibile vistarla interamente a piedi e in un giorno solo, così da farsi catturare totalmente dall’anima di questa splendida città. Ma ora vediamo nello specifico cosa vedere a Bari.

Il lungomare di Bari

È tra i luoghi più affascinanti e magici di questa città. Questo ambiente ha una storia particolare alle spalle. Prima del fascismo, infatti, il centro storico della città era una penisola, durante quest’epoca fu costruito quello che oggi conosciamo come il lungomare. L’inaugurazione è avvenuta nel 1927. Si tratta di una passeggiata molto suggestiva, da un lato vi accoglierà l’immensità del mare dall’altro sarete coccolati dalla bellezza dei palazzi liberty che accompagnano la passeggiata sul lungomare. È un lungomare tra i più lunghi d’Europa.

La Basilica di San Nicola

È tra i simboli più importanti di Bari e tra gli esempi di romanico pugliese più preziosi. Sorge nel cuore di Bari Vecchia a poca distanza dal mare. Eretta intorno al 1100 con lo scopo di custodire le reliquie di San Nicola,  trafugate da marinai baresi dall’antica città di Myra. San Nicola è il patrono della città e i baresi vi sono molto devoti. Si tratta di un culto che lega cristiani cattolici e cristiani ortodossi, soprattutto per gli ortodossi russi. È infatti meta di molti pellegrinaggi di fedeli appartenenti a diverse confessioni cristiane.

Bari Vecchia

Centro storico di Bari è chiamato Bari Vecchia. Ha una struttura a dedalo, tipico delle città medievali, e che aveva lo scopo di far perdere l’orientamento ai nemici in caso di attacco. È un centro storico molto caratteristico, con una propria personalità e che con gli anni è riuscito a cambiare e a migliorarsi, accogliendo i milioni di turisti che ogni anno arrivano da ogni parte del mondo. Oltre alla basilica di San Nicola non avrete difficoltà a notare la grande quantità di chiese in tutto il centro storico, tra cui la Chiesa di San Sabino, anch’essa in stile romanico pugliese, al di sotto della quale c’è un importante sito archeologico.

Le piazze e la” strada della pasta” di Bari

Tra le cose da vedere a Bari Vecchia non dimentichiamo Piazza Mercantile cuore della città vecchia, e in passato centro degli scambi commerciali. La piazza è circondata da importanti palazzi, come il palazzo del sedile un elegante palazzo del ‘400 e la torre dell’orologio. Inoltre lungo questa piazza noterete la cosiddetta “colonna dell’infame” chiamata così perché in passato qui venivano derisi i debitori e i bancarottieri. È composta da una colonna di marmo bianco e un leone di pietra con al petto la scritta Custos Iusticiae. Anche Piazza Ferrarese si trova all’ingresso di Bari Vecchia, e merita anch’essa una visita. Qui potrete notare uno scorcio sull’antica Via Appia che collegava Benevento a Brindisi. Questa piazza offre un accesso alla muraglia del XII secolo, punto panoramico che dona un bellissimo scorcio sul lungomare e sul porto.

Infine non potete non fare una passeggiata lungo quella che è divenuta famosa come la “Strada della Pasta”. Una volta superato l’Arco Basso entrerete nella strada della tradizioni e della vera anima barese. Qui vi abitano proprio quelle che sono chiamate le signore della pasta, tra cui la ormai celebre signora Nunzia, che impastano orecchiette e tutti i diversi formati di pasta pugliese, e che si fermano ben volentieri a scambiare due chiacchiere con i turisti.

Il castello Normanno – Svevo di Bari

Tra le cose da vedere a Bari compare sicuramente il castello Normanno Svevo. Si tratta di una fortezza risalente al 1131, pochissimi anni dopo fu distrutto e poi ricostruito per volere di Federico II di Svevia. Anche questo è tra gli edifici simbolo della città e si erge a poca distanza da Bari Vecchia, a difesa della città. È tutt’ora visibile il fossato che delimita il castello, ad eccezione del lato settentrionale, un tempo bagnato dal mare. Dal 2014 è gestito dal Ministero per i beni e le attività culturali. All’intero vengono spesso organizzate mostre ed eventi culturali, inoltre è possibili visitare una gipsoteca, che custodisce modelli e calchi di sculture ornamentali.

castello normanno svevo
Castello Normanno Svevo, Bari

Altro da vedere a Bari

Tra le cose da visitare a Bari compare sicuramente la pinacoteca Corrado Giaquinto, un museo dedicato al famoso pittore pugliese e che raccoglie testimonianze dal medioevo, pitture pugliesi tardo medievali, pittura napoletana, maiolica pugliese, presepi napoletani e tanto altro ancora. Merita una citazione anche il magnifico Teatro Petruzzelli è il quarto più grande d’Italia, ed è possibile visitarlo e ammirare la ricostruzione dopo l’incendio del 1991. Bari Sotterranea si proporne di far conoscere l’area archeologica presente nel sottosuolo della città, riscoprendo l’era romana e tardo antica. I percorsi partono dal Castello Normanno Svevo, proseguono lungo la Cattedrale romanica e si concludono nell’area archeologica di Palazzo Simi.

Bari Sotterranea

Se amate lo shopping o volete semplicemente passeggiare tra le vie principiali del centro di Bari, vi consiglio via Sparano, ricca di negozi. Ma non dimenticate di ammirare i palazzi storici che confinano lungo questa via, come il palazzo Mincuzzi in stile art nouveau. Infine il Museo Teatro Margherita che si innalza sul mare e N’derr’a la lanze, ovvero “ai piedi delle barche” il mercato del pesce dove la mattina i pescatori espongono il pescato e potrete gustare le delizie del mare gustando un birra fresca, come da tradizione barese.

Cosa vedere nei dintorni di Bari

Lungo la costa di Bari ci sono diverse spiagge dove potersi rilassare, tra cui Pane e Pomodoro, Torre Quetta e altre spiagge nelle frazioni di Bari, come Torre a Mare. A pochi chilometri da bari potrete allontanarvi dal mare per scoprire la natura del parco naturale regionale Lama Balice, un’area naturale protetta di 504 ettari. La lama Balice è tra le più lunghe che si aprono nel territorio barese, l’ambiente è particolarmente carsico e sono presenti diverse caverne, alcune delle quali importanti a livello storico perché conservano testimonianze del paleolitico.

Tra le cose da vedere nei dintorni di Bari vi nomino Trani, con la sua maestosa cattedrale in riva al mare, proseguendo verso nord; oppure Mola di Bari verso sud, e Polignano a Mare con le sue alte e simboliche scogliere a picco sul mare. Ma Bari si trova in una posizione molto favorevole, quindi avrete la possibilità di visitare molti luoghi, come anche la bellissima Valle d’Itria.

Cosa fare a Bari: eventi

Bari è ricca di eventi che animano la città. Tra i più conosciuti c’è la Fiera del Levante una manifestazione che ogni anno conte numeri altissimi di espositori. Festa di San Nicola cade il 7 maggio ,è la festa patronale per eccellenza, che vede riuniti tutti i fedeli e non solo. Durante questo evento si ripercorrono le vicende dei marinai che rubarono le spoglie del santo. Sfilate storiche, spettacoli teatrali, concerti di musica sacra popolano la città durante tutta la settimana. Infine Acqua in testa ovvero un festival di musica che si sposta in diverse location per aggiungere buona musica alla vita barese.

Tradizione Culinaria

Quella di Bari è una cucina autentica e con una personalità così definita che non potete esimervi dall’assaggiare i sapori di questa tradizione culinaria. Tra i piatti più conosciuti ci sono le orecchiette con le cime di rape, così famoso che non ha bisogno di presentazioni. Anche il riso, patate e cozze è tra i piatti più famosi della tradizione culinaria barese, la cui ricetta è tramandata da generazione a generazione. Le brasciole, ovvero involtini di cavallo al sugo di pomodoro spesso si accompagnano alla pasta fresca, per un primo piatto davvero completo. Fave e cicoria, anche questo ben inserito nella tradizione pugliese, unisce il purè di fave con una verdura tipica della zona.

Il calzone di cipolle una pizza chiusa con all’interno un ripieno di cipolle e olive a volte anche capperi e acciughe. Il panzerotto, diventato anche uno street food per far sì che lo si possa gustare mentre si ammira la bellezza di questa città come anche la sgagliozza, ovvero polenta fritta. Senza dimenticare la regina dei prodotti da forno pugliesi, la focaccia barese.

Per quanto riguarda i dolci, quelli più conosciuti sono le cartellate si tratta di un tipico dolce natalizio fatto con pasta sfoglia attorcigliata su sé stessa, fritta e infine condita con vin cotto o miele. Il boconotto ovvero dolcetto di pasta frolla ripieno con cioccolato e mandorle. A Pasqua il dolce tipico è la scarcella, pasta frolla decorata con motivi pasquali. Infine la zeppola, fritta e servita con crema pasticcera e amarene per la decorazione, una vera goduria.

Come arrivare a Bari

  • Auto: l’autostrada A14 prevede diverse uscite per Bari, e nel centro ci son diversi parcheggi a pagamento dove poter lasciare la macchina;
  • Treno: la stazione di Bari si trova in centro;
  • Aereo: l’aeroporto di Bari non dista molto dal centro città e si può arrivare in centro attraverso un efficiente collegamento ferroviario.
Bari vista da un drone
Foto Carla Fiume

Classe 1993, mi piace scrivere, viaggiare, lanciarmi in nuove avventure e scoprire nuovi luoghi. Mi emoziono facilmente davanti ai tramonti e ai gattini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.