All About Puglia » News » Dove Andare » Valle d'Itria » Cosa vedere a Martina Franca

Cosa vedere a Martina Franca

Piazza XX settembre Martina Franca

Martina Franca, perla della magnifica Valle d’Itria, sorge tra uliveti, trulli e muretti a secco. Ci troviamo nella provincia di Taranto nella parte centrale della Puglia a sud della Murgia. Borgo del trecento che si distingue per il magnifico barocco del centro storico. Era popolata sin dal neolitico, infatti molte testimonianze si possono notare oggi ai piedi del Monte Fellone. In questo articolo vi parliamo di cosa vedere a Martina Franca e perché vale la pena visitarla.

Centro storico

Il centro storico di Martina Franca è un sogno. Adattato perfettamente alle richieste del turista, ad ogni angolo troverete indicazioni che vi porteranno a scoprire tutti i posti più nascosti e affascinanti della città. Mettete da parte le indicazioni di Google Maps e lasciatevi cullare dalle affascinanti vie del borgo. In stile barocco e rococò è ricco di strette vie e vicoli ciechi, un vero e proprio labirinto che si rivelava utile, nel passato, in caso di attacco da parte di nemici.

Basilica di San Martino

Questa Basilica è dedicata al Santo Patrono, vissuto nel IV secolo, fu eretta nella seconda metà del settecento, ed è un classico esempio del barocco martinese che ricorda molto lo stile rococò. Ciò che la contraddistingue è la maestosa facciata con al centro una statua del Patrono che condivide il mantello con un mendicante. Un’altra particolarità delle Basilica è che all’interno è ricchissima di opere d’arti: nella parte destra troviamo unicamente statue, mentre la parte sinistra è istoriata da dipinti.

Torre dell’orologio

La torre ha pianta quadrata ed è divisa in quattro parti. La particolarità è che ognuna di queste possiede caratteristiche architettoniche proprie. Il primo livello ha ai quattro angoli colonne rotondeggianti, e al centro della facciata principale una meridiana. Al secondo livello ammiriamo una coppia di pilastri inglobata nel muro (paraste), con al centro un balconcino sottostante ad un timpano spezzato. Al terzo livello troviamo l’orologio e, infine, all’ultimo ammiriamo la torretta con archi ad ogni lato.

Palazzo ducale

I lavori iniziarono nella seconda metà del seicento dove sorgeva un antico castello medievale. In questa struttura si fondono insieme il barocco d’ispirazione leccese e particolarità rinascimentali. Oggigiorno è sede del municipio, ma alcune stanze sono visitabili, quelle da segnarsi e visitare sono le sale dell’Arcadia, del Mito e della Bibbia.

Martina Franca centro storico
Martina Franca centro storico

Altro da vedere a Martina Franca:

Inoltre durante la visita in questo meraviglioso paese, sarà difficile non notare la porta di Santo Stefano, o arco di San Martino apre la via verso il centro storico e i Portici in Piazza Maria Immacolata, è uno spazio semiellittico in stile neoclassico intervallato da tredici arcate.

Qui vi ho parlato di cosa vedere a Martina franca, ma in realtà le sensazioni più belle le lascia vivendola. Si tratta di un comune che ha saputo accogliere il turismo e si è pian piano adattato senza però rinunciare al suo fascino barocco e antico.

Cosa vedere nei dintorni di Martina Franca

Tra le cose da vedere nei dintorni di Martina Franca non dimentichiamo la natura. Infatti Martina sorge all’interno della valle d’Itria, e dato che si trova su 431 metri s.l.m. offre uno spettacolo unico sulla valle. Nei dintorni di Martina potrete ammirare i trulli, gli ulivi secolari, i tipici muretti a secco e le antiche masserie dove un tempo si svolgeva tutta la vita dei contadini pugliesi. Potrete anche fermarvi nei pressi del Monte Fellone e scoprire la grotta Cuoco e la grotta Monte Fellone, entrambe con una rilevanza archeologica notevole. Sulla strada che collega la Valle d’Itria a Massafra, potrete anche fare una visita al Bosco delle Pianelle, un’area protetta che misura 590 ettari. Inoltre la città è un ottimo punto di partenza per esplorare la bellissima Valle d’Itria.

Cosa fare a Martina Franca

Il Festival della Valle d’Itria è un evento nato negli anni ’70, e che tuttora continua ad attirare curiosi da tutto il mondo. Vengono rappresentate opere liriche e musicali, ma quella che suscita maggiore curiosità tra i turisti è sicuramente “L’opera in Masseria“. Solitamente si tiene tra Luglio e Agosto. Non vi resta che segnarvi questo evento in agenda!

Tradizioni Culinaria

  • Il capocollo di Martina: non possiamo parlare di Martina Franca e non menzionare il famoso capocollo! Il salume stagionato riposa in un miscuglio di erbe aromatiche tipiche della macchia mediterranea, a fine delle diverse lavorazioni viene fatto riposare in un trullo martinese. Qui un approfondimento sui prodotti tipici premiati.
  • Il Vino Martina Franca DOC: si tratta di una denominazione di vini, ed è anche tra le più antiche di tutta Italia, e comprende solo vini bianchi. Ne parliamo anche qui.

Oltre a queste tipicità a Martina potrete assaggiare le classiche orecchiette, condite con sugo di polpette o braciole e cacioricotta, oppure ancora con rape. Atro piatto tipico sono le bombette, ovvero involtini di capocollo con formaggio. Come dessert tipico abbiamo invece il boconotto, dolce di pasta frolla con all’interno crema pasticcera e decorato con amarene, un paradiso per le papille gustative. Ora che conoscete i prodotti tipici del luogo non vi resta che prenotare la vostra vacanza e scoprire il gusto che questa terra può nascondere.

Video

Di seguito un video promozionale della città promosso dall’ Assessorato al Turismo, che mostra i lati più suggestivi di Martina Franca, sia di giorno che nelle ore serali.

Martina Franca – terra del buon vivere

Come arrivare a Martina Franca:

  • Auto: in autostrada A14, uscita Taranto poi S.S. 172 per Martina Franca. Da Bari o da Brindisi-Lecce S.S. 16 -uscita a Fasano e immettersi sulla S.S. 172dir per Martina Franca;
  • Treno: fino alla stazione di Bari centrale o Taranto poi con le Ferrovie del Sud Est;
  • Aereo: aeroporto di Brindisi Casale o Bari Palese, poi con navetta o in treno.

Foto Carla Fiume

Classe 1993, mi piace scrivere, viaggiare, lanciarmi in nuove avventure e scoprire nuovi luoghi. Mi emoziono facilmente davanti ai tramonti e ai gattini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *