trani cosa vedere

In questo post vi parlerò di cosa vedere a Trani, città che per un lungo periodo è stata ingiustamente trascurata dal grande turismo. Oggi invece è meta conosciuta, anche grazie all’azione di traino dei giovani pugliesi, che hanno iniziato a recarsi in città per una suggestiva passeggiata a ridosso del mare. Infatti attualmente il porto e i piccoli vicoli del centro storico sono diventati il cuore pulsante di tutta la città e si sono popolati di locali che invitano a fermarsi durante la visita in questa storica città. Vediamo insieme cosa vedere a Trani.

Vi basterà guardare questo video per desiderare di essere già tra i vicoletti di Trani!

Lungomare di Trani

Storia

Trani ha una storia che parte da molto lontano. Vanta infatti un periodo in cui ha cercato ed è riuscita a diventare una realtà autonoma, testimonianza più importante di questo periodo sono gli Ordinamenta Maris. Questi ordinamenti, sono un codice di navigazione, emanato nel 1063, si possono considerare il più antico codice marittimo del Mediterraneo. Oggi potete trovare questi ordinamenti all’ingresso della villa comunale della città, nella quale vi consiglio di passeggiare per godere del panorama offerto dal mare. Dopo questi brevi cenni storici andiamo a descrivere, nello specifico, cosa vedere a Trani.

Il fortino

Dalla Villa Comunale si accede al fortino. Questo fortino si erge all’imbocco del porto, e offre una vista sulla maestosa cattedrale. Costruirono il fortino intorno al ’500 e inglobò una chiesa preesistente. La leggenda vuole che sia nata da un voto che un marinaio fece trovandosi in un naufragio. Egli disse che avrebbe fatto costruire una chiesa nel luogo in cui si fosse salvato.

La Cattedrale di Trani

Voluta da Federico II, questa struttura così imponente, rappresenta lo sfarzo del periodo medievale sotto la dinastia degli Svevi. La cattedrale è posta a ridosso del porto lì dove ci sarebbe dovuto essere il faro. Questa particolarità è dovuta al fatto che durante il medioevo, da Trani, partivano molte navi, di soldati e semplici fedeli, per la Terra Santa. Di conseguenza questa maestosa cattedrale era l’ultima immagine che vedevano quando l’imbarcazione si allontanava dalla città e la prima quando si tornava. Era il simbolo non solo dello splendore del tempo ma anche del forte spirito cristiano ed è dedicata al santo patrono San Nicola il pellegrino. Questa chiesa è in stile romanico e fu costruita con il tipico tufo estratto dalle cave della città, distinguibile dal suo colore così roseo che sembra quasi bianco.

trani cosa vedere
Vista di Trani dal mare

Il castello Svevo

Tra le cose da vedere a Trani non dimentichiamo il bellissimo castello! Federico II volle la costruzione di questo fortino nel 1233. La sua fama è dovuta al soggiorno di Manfredi, figlio di Federico II e soprattutto per la celebrazione delle sue seconde nozze. Si può visitare e nonostante per un lungo periodo sia stato utilizzato come carcere, il suo interno è ancora intriso di una magica atmosfera medievale.

Il centro storico

Un groviglio di viuzze che portano verso un panorama mozzafiato.  Il centro storico di Trani è ricco di chiese, la maggior parte, in stile romanico. Alle spalle del porto troviamo quella che in passato è stata la zona ebraica. Infatti in questa città nel corso degli anni si è avuto un notevole insediamento della comunità ebraica, tra i maggiori del sud Italia. Sorsero quattro sinagoghe, che poi però con il corso del tempo si trasformarono in chiese cristiane. Attualmente, una di queste, la chiesa di Sant’Anna è diventato un Museo ebraico, dove si raccolgono testimonianze della storia ebraica cittadina. Passeggiando per le vie di questa città, è facile farsi trasportare dalle tracce delle mille realtà che ha conosciuto. Percorrete le vie del centro storico e immergetevi in un passato glorioso che Trani sa raccontare tutt’oggi.

Il Monastero di Santa Maria Colonna

Il Monastero si trova su di un’isola detta “Capo Colonna“. Alla costruzione, avvenuta nell’undicesimo secolo, si allegò anche una chiesa romanica. Questo Monastero era preda di continui attacchi da parte dei Saraceni. La più celebre è quella del 3 maggio 1480. Secondo la leggenda, i pirati riuscirono a rubare un crocifisso ligneo, mutilarono il naso del Cristo, iniziò a sanguinare e lo gettarono in mare. L’evento è ricordato ogni 3 maggio con una processione di pescherecci che percorrono la via dal monastero fino alla banchina del porto con a bordo un crocifisso.

Cosa vedere nei dintorni di Trani

Trani si trova in una posizione meravigliosa che vi consentirà di scoprire tutte le bellezze del nord barese, infatti dista a pochi chilometri della bellissima città di Bari. Inoltre a Trani c’è un servizio di piste ciclabili davvero impeccabile, potrete dunque visitare i dintorni del borgo comodamente in bici.

Sul lungo mare di Trani c’è una pista ciclabile, che fa parte del più ampio progetto della Ciclovia Adriatica. Questo tratto collega il centro della città fino all’isola di “Capo Colonna”. Ma questo non è l’unico tratto percorribile nella città. Di conseguenza potreste pensare di visitare questo magnifico luogo in sella ad una bicicletta e godere dell’incantevole panorama.

Cosa fare a Trani

Tra gli eventi più suggestivi vi nominano ”Dialoghi di Trani” un festival culturale e letterario. Il focus di questo evento sono dibattiti e tavole rotonde sullo sfondo del Castello svevo e vi troverete scrittori, giornalisti e artisti di fama nazionale ed internazionale.

Tradizione Culinaria

La tradizione culinaria di Trani è semplice e genuina, che prende i prodotti dalle terre che circondano la città. Immancabile la pasta fresca, le orecchiette condite con le classiche cime di rape, ma troviamo anche riso patate e cozze cotto al forno, le cozze gratinate, la pasta al forno alla tranese ovvero oltre alla pasta con il sugo di pomodoro, si aggiungono: polpettine di carne, prosciutto cotto e pecorino, viene messa in teglia e cotta in forno. Tra gli immancabili troviamo il calzone di cipolla con ricotta forte e i panzerotti fritti, ma anche gli gnemerìidde spiedini con budella di agnello, le braciole e tanto altro ancora. Tra i vini invece nominiamo il Moscato di Trani che ben si accompagna al dessert per concludere in bellezza il vostro pasto.

Come arrivare a Trani:

  • Auto: attraverso l’autostrada A14 o la SS16;
  • Treno: Trani ha una stazione ferroviaria;
  • Aereo: sia l’aeroporto di Bari Palese, sia quello di Brindisi Casale offrono navette che portano a Trani, oppure prendendo il treno.

Qui invece ti spiego come arrivare o come spostarsi in Puglia.

Foto Carla Fiume

Classe 1993, mi piace scrivere, viaggiare, lanciarmi in nuove avventure e scoprire nuovi luoghi. Mi emoziono facilmente davanti ai tramonti e ai gattini.

1 commento su “Cosa vedere a Trani”

Average
5 Based On 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.