Cosa vedere ad Altamura

Cosa vedere ad Altamura

La prima cosa che ci viene in mente quando pensiamo ad Altamura è il profumo del pane appena sfornato. Ma questo non è l’unica cosa per cui vale la pena vedere Altamura! Il pane di Altamura gode di questa fama per meritati motivi. Ma non è di sicuro l’unico motivo che mi spinge a parlarvi di questo paese.

Altamura ha una storia molto antica. Il suo nome deriva dalla costruzione, intorno alla città, di mura megalitiche nel IV secolo AC. È chiamata la Leonessa d’Italia perché nel 1799 è stata protagonista di quella che è passata alla storia come “Rivoluzione di Altamura“. Una rivoluzione che prese spunto dalle idee di libertà, fratellanza e uguaglianza della Rivoluzione francese.

Ma ora vediamo cosa vedere ad Altamura durante la vostra vacanza in Puglia.

La cattedrale di Santa Maria Assunta

In Piazza Duomo troviamo la maestosa cattedrale dedicata all’Assunta e voluta da Federico II nel 1232. Nel 1316 Altamura fu colpita da un terremoto e la cattedrale registrò numerosi danni, infatti si pensa che quella che osserviamo oggi è una ricostruzione, pur tuttavia non avendo documentazione al riguardo. La facciata presenta due alti campanili caratterizzati da piani con stili diversi. Il portale è incredibilmente ricco di sculture e decorazioni raffiguranti scene bibliche. Anche all’interno vi stupirà, infatti potrete ammirare alcune famose tele dell’800 di maestri napoletani come Domenico Morelli e Francesco Netti.

Il Centro Storico di Altamura

Il centro storico di Altamura è molto caratteristico e fortemente identitario. Qui abitano più di 3 mila cittadini, di conseguenze ha le sembianze di un paesino a sé stante. Infatti il centro storico è considerato un vero e proprio borgo all’interno di Altamura. E mentre si passeggia tra i vicoli stretti e bianchi è facile imbattersi nel profumo caratteristico del pane di Altamura.

cosa visitare ad altamura
Porta Bari ad Altamura, centro storico

Museo Nazionale di Archeologia

Tra le cose da visitare ad Altamura non potete evitare il Museo Nazionale Archeologico di Altamura. Questo museo raccoglie le importanti scoperte archeologiche di questo territorio e cerca di proporre al pubblico la ricostruzione dello sviluppo della vita nella Murgia. Tra cui una delle più importanti scoperte paleontologiche in Italia, ovvero l’Uomo di Altamura. Nel 1993, infatti, nella grotta di Lamalunga venne scoperto uno scheletro di homo neanderthalensis risalente al Paleolitico. Si tratta dello scheletro di un uomo adulto conservato molto bene perché inglobato nelle stalattiti e nelle stalagmiti della grotta. Inoltre la visita al museo è gratuita, quindi non potete non farci un salto!

Cosa vedere nei dintorni di Altamura

Nei pressi di Altamura si trova il Parco Nazionale dell’Alta Murgia, non visitarlo sarebbe un vero peccato. Qui potrete ammirare il Pulo di Altamura, ovvero la dolina carsica più grande del territorio della Murgia. Nel territorio del parco sono state effettuati i ritrovamenti archeologici più importanti del territorio, tra cui l’Uomo di Altamura, ma anche le 30.000 orme di dinosauro appartenenti ad oltre 5 specie diverse, in località Pontrelli e visibile tutt’oggi. Nei dintorni di Altamura potrete anche vedere i resti delle mura megalitiche risalenti al 1500, che un tempo erano alte più di 4 metri. Da non confondere con le mura che oggi circondano il centro storico!

Cosa fare ad Altamura: eventi

Una festa popolare molto sentita è la celebrazione della Madonna del Buoncammino. Si svolge verso la fine di Agosto, la statua della Madonna gira per tutta la città su di un carro con i festanti vestiti con abiti tradizionali. Ed è una festa che avviene per ringraziare la Madonna del raccolto.

Ma un altro evento che ha reso famosa questa città e che attira numerosi curiosi è il Federicus. Si tratta di una magica festa che cerca di riportare in vita l’atmosfera medievale che un tempo popolava quei vicoli. L’evento si svolge nel centro storico, ed è centrale la posizione della Cattedrale. La figura di Federico II è particolarmente sentita in questo borgo. Si racconta, infatti, che poco prima della partenza di soldati per la terra Santa, Federico II abbia deciso di lasciare in questa terra alcuni cavalieri malati di malaria e che grazie all’aria particolarmente salubre della Murgia siano guariti.

Il centro storico di Altamura durante la celebrazione del Federicus

Tradizioni culinarie di Altamura

Il prodotto culinario che dovete assaggiare a tutti i costi (a meno che non siate celiaci) è indubbiamente il Pane di Altamura! Questo rinomato pane, nel 2003, ha ricevuto la denominazione di origine protetta (DOP). Per ottenere questo pane squisito si utilizzano semole rimacinate di grano duro, che deriva, chiaramente, dalle coltivazioni della Murgia. Viene cotto nei forni a legna o in pietra, solo così si ottiene l’inconfondibile fragranza e la classica crosta croccante che ben contrasta con la mollica incredibilmente soffice del pane di Altamura.

Anche un legume coltivato nella zona di Altamura ha ottenuto l’Indicazione Geografica Protetta, stiamo parlando chiaramente della Lenticchia di Altamura I.G.P.. Si tratta di una lenticchia con un alto contenuto di ferro e proteine e anche un’ottima consistenza. Molte coltivazioni si trovano nel terreno che rientra nel Parco Nazionale dell’Alta Murgia. Ne parliamo anche qui.

Lenticchie di Altamura IGP
Lenticchie di Altamura IGP

Questo florido territorio è anche culla di un altro alimento, ovvero il fungo cardoncello. Questo fungo trova, in questo territorio, il suo habitat naturale per la crescita e la proliferazione. Il sapore di questo fungo è molto gradevole, gli usi in cucina sono veramente infiniti. Insomma, di cibo da offrire Altamura ne ha da vendere, non vi resta che preparare il vostro stomaco!

Come arrivare ad Altamura

  • Auto: autostrada Bologna – Taranto, uscita Corato proseguire poi per Altamura;
  • Aereo: l’aeroporto più vicino è quello di Bari Palese;
  • Treno: Ferrovie Appulo Lucane da Bari Centrale.

Foto Carla Fiume

Classe 1993, mi piace scrivere, viaggiare, lanciarmi in nuove avventure e scoprire nuovi luoghi. Mi emoziono facilmente davanti ai tramonti e ai gattini.

Tags: ,
Classe 1993, mi piace scrivere, viaggiare, lanciarmi in nuove avventure e scoprire nuovi luoghi. Mi emoziono facilmente davanti ai tramonti e ai gattini.

0 Commenti

Lascia un commento

Chi siamo

Chi siamo

Siamo due amici innamorati della nostra regione: la Puglia. Abbiamo girato il tacco dello Stivale in lungo e in largo. Siamo qui adesso per raccontarvi quello che abbiamo vissuto negli ultimi anni: esperienze, emozioni, sensazioni tutte appartenenti alla nostra Puglia.

#ALLABOUTPUGLIA SU INSTAGRAM

Usa l’hashtag #allaboutpuglia nei tuoi post o nelle tue storie su Instagram!
Ricondivideremo i tuoi contenuti sulla nostra pagina menzionandoti!